La Garcinia Mangostana l. (Regina dei frutti) più comunemente nota con il nome di Mangostano, è un frutto che appartiene alla famiglia delle Guttiferae, tipico del Sud-Est Asiatico. Paesi come Thailandia, India e Malaysia usufruiscono infatti dei suoi benefici da migliaia di anni. L'albero del Mangostano può crescere fino ad un'altezza massima che varia tra 6 e 25 metri Il frutto è di forma tondeggiante, di un intenso color rosso porpora e la polpa al suo interno è suddivisa in 4 – 8 spicchi commestibili e cremosi di colore bianco latteo dal vago sapore di pesca. La membrana sottostante la buccia contiene acidi polifenolici (tra i quali il tannino e lo xantone) che prevengono infestazioni di insetti, infezioni di funghi, virus vegetali e batteri.

La fase di raccolta del Mangostano deve avvenire nel periodo immediatamente antecedente la fase di maturazione, altrimenti il frutto non potrebbe raggiungere la maturazione dopo il distacco dall'albero. È molto importante inoltre che la raccolta sia effettuata manualmente, senza permettere la caduta del frutto al suolo che provocherebbe inarrestabili processi di fermentazione danneggiandone le caratteristiche chimiche ed organolettiche. Le molteplici potenzialità del Mangostano sono racchiuse nella sua stessa composizione.

Sali Minerali e Microelementi

Potassio, Calcio, Fosforo, Ferro.

Vitamine

B1, B2, B6, e C.

Il Mangostano si trova ai vertici delle tabelle ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity – Capacità di assorbimento dei radicali dell'ossigeno). Confrontando ad esempio il Mangostano con il mirtillo, rinomato per il suo alto potere antiossidante, notiamo che mentre il mirtillo possiede una capacità pari a 3.200 ORAC, il Mangostano può raggiungere i 25.000 ORAC.